GRAN MISTERO LA VITA

GRAN MISTERO LA VITA

Ridicola è la tanto esaltata genialità o talentuosità di taluni esseri umani da parte di fanatici con quoziente di disonestà al minimo (pur se con quoziente di onestà al massimo); considerando, oppure constatando, che questo nostro povero cervello è fatto di materia grigia, appunto, per lo più, che rende la nostra vita altrettanto grigia, con qualche barlume di ragione, che funge da lontano faro in una notte oscura e tempestosa, che può solo avvisarci che c’è terra in vista nei suoi pressi, ma non può impedire al naviglio di inabissarsi, e restare lontani da quel foro, sempre più, e di perderlo di vista, e ritrovarsi soli in pieno oceano destinati a fare una brutta fine.

Eppure il talentuoso, spesso se ne fa una bandiera, scolastica e accademica, per elevarsi a sempre più alte cattedre, al di sopra di sempre più numerosi banchi, credendo di capire più degli altri, nel suo (piccolo scibile), ignorando che non c’è nessuno che non abbia il suo da controproporre, o interproporre.

Non ‘è niente di cui l’uomo possa essere certo finché tanto grigio magma resta inservibile.Un po’ di umiltà, che cavolo, ci vuole! Ma più il grigio territorio ottuso è maggiore nella testa di un uomo, tanto più questi monta in cattedra (anche nelle scuole, ovunque, o forse sopratutto in qualsiasi tipo di scuola.

Quello che io sto ora scrivendo mi viene da un pensiero intellettualmente onesto di voler riconoscere i miseri confini esistenziali in cui ci dibattiamo, inventandoci DIO, DEI, IO, supportati dalla parola detta, e non detta, SPERANZA.

Con la speranza, il perdono, e l’amore, chiunque può sbarcare il lunario di sopravvivenza nel modo migliore possibile; non così con la disperazione. Ma in quanto all’aldiqua e all’aldilà di questa nostra maschia esistenza il Mistero già presente col suo grigio velo di nubi davanti al sole, s’infittisce come tempesta nell’oscuro della notte.

 

 

La vita è un Gran Mistero: punto!
Tutto il resto è noia, nient’altro!
Tutte vuote parole, intorno,
che la Somma Parola ignora.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Mentre sto qui su questa Terra,
che – in fondo in fondo – non mi pare
così illusorio nel pestarLa,
di certo non posso non credere
a una Energia, che me contiene,
e io contengo, senza attributi,
in sé, se non quei dati da noi,
che la scindono in due porzioni:
una buona e un’altra cattiva,
che da sempre, e per sempre, pare
si contrappongono a giocare,
no!, ma una energia che cambia
a seconda dei casi e cause.

Così che l’Energia oggi è buona
e domani è mala: perché?
Fissarsi nella Perfezione
da raggiungere a tutti i costi:
“per divenir troppo divini
non siamo più nemmeno umani”.

Folli che si credono Santi,*
Santi che si credon folli,*
mentre tanti umili comuni
sono divinamente umani.

Minimalista io così credo
certo in tale Energia che aggrega
i buoni ad amarsi ed amare
e i cattivi a odiarsi e odiare.

Chiesa di liberi individui
e chiesa di individui schiavi
e schiavi di chiesa imperante.

 

Social
Facebook
Facebook
Visita il mio canale
Visita il mio canale
Google+
Google+
http://www.fioreleveque.com/w/psico-teo-sofia/pantologo/gran-mistero-la-vita/
Seguimi per email
RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*